cuoreditela.blogspot.com

2 novembre 2015

Un ago o sette?

Capita a volte nella vita: sai che dovresti fare le cose in un certo modo, ma proprio non ce la fai.
Per ricamare questi motivetti colorati in sequenza, ad esempio, sarebbe molto più comodo e veloce che io usassi sette aghi, lasciandoli infilati ciascuno col proprio colore.
Eppure niente, non ci riesco: ho sempre ricamato con un solo ago cambiando di volta in volta il filo.
Questa è una piccolissima cosa, una riflessione forse inutile. Ma spesso vivo la vita anche contro ogni logica.
In fondo, è mia.

8 commenti:

  1. Sette, mi piace come numero. Non sette aghi, avrei sicuramente un groviglio di fili inestricabile.
    Roberta

    RispondiElimina
  2. Non dico sette aghi ma tre o quattro li userei. ..sarà che odio infilare l'ago....

    RispondiElimina
  3. Non dico sette aghi ma tre o quattro li userei. ..sarà che odio infilare l'ago....

    RispondiElimina
  4. Ci ho provato una volta e alla fine mi sono pure persa... Mio un ago alla volta anche se si impiega più tempo!

    RispondiElimina
  5. Anch'io come te userei un solo ago... a volte faccio fatica anche a buttarlo nonostante sia tutto piegato. uso due aghi solo perchè differenti: uno con la punta normale, uno con punta arrotondata o con il pallino, a seconda.

    RispondiElimina
  6. io faccio esattamente come te, uno solo e sempre quello...

    RispondiElimina
  7. Anch'io uso sempre un ago e poi...che perdita di tempo ogni volta a cambiare filo.Ma è più forte di me. 😊

    RispondiElimina
  8. E... fai bene a vivere la tua vita come meglio credi. Anche contro ogni logica!!!
    Comunque anch'io uso un solo ago!
    Un saluto, Elena

    RispondiElimina